menù

Unicredit: conviene investirci? Analisi di mercato

7 Novembre 2019

UniCredit S.p.A. è tra i primi gruppi di credito italiani ed europei. Ha sede nella città di Milano.

La banca, prima in Italia per asset in gestione e per fatturato, conta oltre 26 milioni di clienti e 150.000 dipendenti in 32 paesi.

I principali mercati nei quali opera sono Italia, Austria, Germania ed Europa centro-orientale.

La società è quotata nell’indice FTSE MIB della Borsa di Milano.

La capitalizzazione di mercato del gruppo bancario italiano UniCredit ha raggiunto un valore di poco inferiore a 32 miliardi di euro a giugno 2018.

Nonostante questa cifra impressionante, la banca si è classificata al 14 ° posto in una lista delle principali banche in Europa in termini di capitalizzazione di mercato.

Il concorrente diretto di UniCredit in Italia, Intesa Sanpaolo, si è classificato 7 ° nella stessa classifica con una capitalizzazione di mercato di 44,44 miliardi di euro.

ACCEDI ORA al gruppo Facebook Io Investo dove troverai ogni giorno video analisi dei titoli azionari, rubriche di approfondimento, supporto e assistenza da ben 4 analisti tecnici per l’analisi dei titoli che hai in portafoglio.

Due banche dominano il mercato italiano

Unicredit

A partire da ottobre 2019, con oltre 2,8 mila filiali, UniCredit era la seconda banca con il maggior numero di uffici bancari in Italia dopo Intesa SanPaolo.

Inoltre, il numero più elevato di filiali bancarie è stato riscontrato nelle due città con la più grande popolazione nel paese: Roma contava 1.129 filiali, mentre Milano contava 760.

Il numero totale di filiali bancarie in Italia però è diminuito a 25,4 mila nel 2018 ed un simile andamento si è potuto notare in tutta l’Unione Europea.

Questo calo del numero di filiali è dovuto a diverse ragioni, la più importante delle quali è la penetrazione in costante aumento del banking online, che rende le filiali bancarie sempre meno importanti.

Unicredit

Questa statistica fornisce informazioni sul valore delle passività totali e del patrimonio netto del gruppo bancario globale italiano UniCredit Bank nel 2018, suddivisi per tipologia.

In quell’anno, il totale delle passività e del patrimonio netto di UnitCredit ammontava a circa 686 miliardi di euro.

Gran parte dei quali è stata registrata nella categoria depositi da clienti (circa 479 miliardi di euro).

Inoltre, i depositi delle banche ammontano a circa 126 miliardi di euro.

Unicredit

UniCredit ha conseguito un ROE del 6,6% negli ultimi 12 mesi, che è relativamente in linea con la sua media del settore del 5,8% nello stesso periodo.

Ciò che è più interessante è se UniCredit può sostenere o migliorare a questo livello di rendimento.

l ROE è uno dei molti rapporti che analizza in modo significativo i rendiconti finanziari, il che illustra la qualità di un’azienda.

UniCredit mostra un ROE debole nei confronti dei suoi pari, nonché livelli insufficienti per coprire il proprio costo del capitale proprio quest’anno.

Inoltre, con un capitale di debito superiore al capitale proprio, il ROE potrebbe già essere gonfiato dall’uso del finanziamento del debito, sollevando dubbi sulla possibilità di un ulteriore calo dei rendimenti della società.

Per UniCredit, ci sono due aspetti pertinenti che dovresti esaminare ulteriormente:

Salute finanziaria: ha un bilancio sano?

UniCredit ha guadagni di alta qualità, l’attuale margine di profitto netto di UCG (22,2%) è superiore rispetto allo scorso anno (17,9%).

ACCEDI ORA al gruppo Facebook Io Investo dove troverai ogni giorno video analisi dei titoli azionari, rubriche di approfondimento, supporto e assistenza da ben 4 analisti tecnici per l’analisi dei titoli che hai in portafoglio.

Valutazione: quanto vale UniCredit oggi?

Il prezzo corrente di € 12,09 è secondo gli analisti sopravvalutato dell’82.3%.

Unicredit

Nell’ultimo anno ha sottoperformato sia l’industria delle banche italiane che ha registrato un rendimento del 10,6% sia il mercato italiano, che ha registrato un rendimento del 14,6%.

Decisamente più in ripresa gli ultimi 3 mesi con una performance del 22% positiva, in linea con il settore.

A livello tecnico troviamo una Forza relativa crescente da inizio Ottobre 2019.

Si evince che in questo momento, dopo una lunga fase discendente stia performando meglio del suo mercato di riferimento.

Il trend di brevissimo seppur non privo di ritracciamenti sembra orientato al rialzo.

Inoltre, la trimestrale del 7 Novembre sembra essere stata apprezzata dal mercato.

Su un orizzonte più ampio vediamo come il trend di lunghissimo stia testando la resistenza dinamica della trendline proprio in area 12,80.

Unicredit

Dati dunque i risultati non brillanti dell’ultimo anno ma decisamente in ripresa, pensi sia il momento giusto per acquistare su un possibile rialzo o meglio puntare su titoli un più stabili?

Fammi sapere la tua scelta nei commenti.

Alessandro Moretti

Lascia un Commento

0Commenti

    Lascia un commento