Numero Verde 800 14 04 04 Lun-Ven 9-19

Tutti i rialzi del Coronavirus

Home»Articoli»Tutti i rialzi del Coronavirus
RIALZI CORONAVIRUS 23

Mentre alcuni titoli continuano a rotolare giù, ci sono altri che non smettono di crescere e puntare a continui rialzi anche ai tempi del coronavirus.

Quali sono?

I best of in continuo rialzo coronavirus e non

In un mondo quasi surreale, fatto a pezzi da un Virus invisibile, le quotazioni di alcuni Big tecnologici statunitensi sono decisamente contro tendenza.

Amazon e Netflix hanno fatto registrare massimi storici in questi giorni.

La prima ha rotto con forza i massimi di area 2187$, dopo aver ritestato i minimi di giugno 2019.

Mentre la seconda dopo aver rimbalzato in area 292$ ha innescato una salita del 42%, rompendo i massimi di sempre in area 423$ e guadagnando il +10% rispetto a prima dello scoppio della pandemia.

Ma cosa c’è dietro ad alcuni specifi rialzi per il coronavirus?

Accedi ora al gruppo Facebook. Impara ad investire nel mercato azionario anche se parti da zero.

Cosa si nasconde dietro i rialzi da coronavirus

Queste quotazioni hanno una loro razionalità.

Nel momento in cui il mondo è bloccato in casa, proprio gruppi come Netflix (che offre film e serie tv in streaming) e Amazon (vendite a domicilio) hanno il loro ovvio momento di gloria.

Gli investitori, dopo una fase a inizio marzo in cui vendevano indiscriminatamente di tutto per la necessità di reperire cash, sono tornati a selezionare le Borse su cui investire e i titoli.

Privilegiata così la Borsa Usa che è rimbalzata più in fretta rispetto a quelle europee e titoli come Amazon e Netflix rispetto ad altri.

Questo è un segnale di normalità,  positivo dunque, peccato che l’Italia, con la Borsa di Milano, non sia nel club dei preferiti.

Piazza Affari e la sfida del coronavirus

Piazza Affari difatti cade del 4,78%: pesano le banche, lo spread, la frenata del Pil e il dibattito sul Mes.

Un brusco ritorno alla realtà quello che hanno vissuto ieri i mercati finanziari. che si erano fatti strada grazie al rimbalzo delle ultime settimane.

Amaro risveglio anche per la possibilità che i titoli di Stato italiani passino ulteriormente indenni la tempesta grazie allo scudo fornito dall’intervento Bce.

A contribuire sono state da una parte le indicazioni negative in arrivo dall’economia reale, con i bilanci trimestrali delle società, oltre ai dati impietosi della produzione industriale Usa, in calo del 5,4% già a marzo e, in ultimo  anche il nuovo crollo del prezzo del petrolio sotto i 20 dollari al barile, nonostante i tagli alla produzione.

E proprio riguardo ai tagli l’Agenzia internazionale dell’energia (Aie) ha svelato gli ultimi dettagli del piano di interventi concordato da Opec Plus e G20, ammettendo che «non esiste nessun accordo fattibile che possa ridurre l’offerta abbastanza da compensare la perdita di domanda nel breve periodo».

Dai paesi consumatori in particolare non è arrivato l’appoggio auspicato.

Non solo l’Europa si è tirata indietro, ma anche il Giappone non collaborerà nel ritirare i barili in eccesso.

Aprile sarà dunque ricordato come il mese nero del Petrolio.

Nessuna deroga nemmeno per i servizi energetici: la situazione Saipem

L’emergenza coronavirus ha provocato una crisi di liquidità e un’alta volatilità in tutti i mercati, non risparmiando nemmeno il comparto dei servizi energetici in cui si muove Saipem.

Da qui la decisione di ritirare la guidance per il 2020 che prevedeva ricavi a circa 10 miliardi, investimenti tecnici a circa 600 milioni e debito netto inferiore a 700 milioni di euro.

L’ AD Stefano Cao  però lancia un messaggio chiaro:

«Abbiamo una struttura forte pronta ad affrontare anche questa bufera, in quanto disponiamo di asset molto solidi per fronteggiare il contesto presente e le relative prevedibili evoluzioni».

Saipem si era già proiettata prima della pandemia su nuovi mercati in aree particolarmente interessanti come eolico e fotovoltaico galleggiante, cavalcando dei mega trend che si erano già manifestati prima dello scoppio del contagio.

Avviando una diversificazione delle sue attività e riducendo la correlazione tra l’andamento del prezzo del greggio e il portafoglio ordini, l’azienda prevede di riuscire a limitare l’impatto sui bilanci.

A breve, comunque, con l’assemblea dei soci del 29 Aprile comunicheranno i dati di bilancio del primo trimestre.

E voi vi aspettate ancora rialzi da coronavirus o no?

Davide Cassaghi

 

210204-Cards-Corsi-10X_Guida-base-1

Guida gratuita 10X

Impara ad investire in azioni ad alto potenziale anche se parti da zero.

Scarica le 2 guide gratis