Broker's battle: La guida definitiva per scegliere il broker
menù

Telecom Italia: Analisi di mercato

10 Dicembre 2019

Telecom Italia è un’azienda Italiana di telecomunicazioni che offre, in Italia e all’estero, servizi di telefonia mobile, fissa, internet e televisione via cavo.

È il 7º gruppo economico italiano per fatturato e tra i primi 500 mondiali.

Nel 1997 viene attuata la privatizzazione della società (allora conosciuta come SIP) che comporta la quasi totale uscita del Ministero del tesoro dall’azionariato Telecom.

il 27 ottobre 1997 Telecom Italia privatizzata viene collocata alla Borsa di Milano.

Leader delle comunicazioni italiane

Telecom Italia S.p.A. è la principale società di telecomunicazioni in Italia basata sui ricavi.

Secondo i dati forniti da Competitive Data, nel 2017 i ricavi di Telecom Italia sono stati di oltre 14 miliardi di euro.

Secondo e terzo nella classifica sono arrivati ​​Vodafone e Wind Tre S.p.A., con ricavi che hanno totalizzato un fatturato di circa sei miliardi di euro ciascuno.

Trasformati in un vero trader con il percorso da 0 a finalmente Trader, senza commettere quei terribili (e costosi!) errori che io stesso ho commesso 10 anni fa!

Ricavi maggiori dei competitors non significano necessariamente maggior prosperita’

Nonostante Telecom Italia sia la principale società di telecomunicazioni in Italia basata sui ricavi, come visto in precedenza, questo non significa in egual modo che sia un’azienda sana o fortemente in crescita.

Sia le entrate che i profitti sono in calo dal 2013 ad oggi come possiamo chiaramente vedere da questo grafico.

earnings telecom italia

Il numero degli impiegati aziendali inoltre è sceso non poco, dato decisamente poco confortante, passando dai quasi 83.000 (tra Italia ed estero) del 2013 ai 56.000 odierni.

numero impiegati

Qui possiamo vedere un po’ più nel dettaglio la situazione divisa per nazionale ed estero degli ultimi 4 anni:

numero nel tempo

Anche la capitalizzazione di mercato in borsa è diminuita da circa 17,4 miliardi di euro a luglio 2017 a circa 14,7 miliardi di euro a gennaio 2018.

capitalizzazione di mercato di telecom italia

ACCEDI ORA al gruppo Facebook Io Investo dove troverai ogni giorno video analisi dei titoli azionari, rubriche di approfondimento, supporto e assistenza da ben 4 analisti tecnici per l’analisi dei titoli che hai in portafoglio.

Debito in calo per Telecom Italia, ma a che prezzo?

Il debito dell’azienda è considerato ALTO per gli standard, è però diminuito negli ultimi 5 anni passando dal 165% al 129% anche se probabilmente l’abbassamento è dovuto allo smaltimento del personale considerato “esubero”.

debito di telecom italia

Fatte le pulci sul bilancio passiamo alla performance azionaria 

A livello di performance sul mercato italiano anche qui arriva un’altra nota dolente per Telecom Italia.

Il titolo mostra una forza relativa “debole” rispetto al mercato.

forza relativa telecom italia

La performance è difatti negativa sia nel lungo periodo (5 anni) dove ha perso quasi il 40% contro il 13% del mercato.

Sul più breve termine, l’ultimo anno il calo è stato solo dell’1% ma a fronte di un settore (9%) ed un mercato (+19%) decisamente in crescita.

conviene investire in telecom.png

Il trend di brevissimo termine ha aperto una parentesi rialzista.

grafico titolo a brevissimo

Sul lungo periodo però siamo sempre in trend ribassista ci troviamo praticamente molto a ridosso dei minimi storici a 0,43€.

il grafico del titolo a lungo termine

Tenuto conto dei fondamentali preoccupanti e la vicinanza ai minimi storici, pensate di evitare il titolo Telecom Italia o entrerete pensando di acquistare a sconto e sperando che salirà?

Fammi sapere cosa ne pensi e cosa farai nei commenti.

Alessandro Moretti

Lascia un Commento

1Commento

  1. Massimo Scolari
    Dicembre 10, 2019

    Riguardo alla trendline di brevissimo si trova già al di sopra (ma sta oscillando intorno ad un valore storico di grande forza), poi, valutando i fondamentali, valutando il fatto che ha toccato minimi mai raggiunti, prenderei in considerazione la trendline di lungo periodo e proiettando un ipotetico trend rialzista dall’attuale valore (ammesso che si verifichi), lo sfondamento della trendline dovrebbe avvenire intorno a quota 6,9 – 7,0. A quel punto valuterei l’acquisto solo dopo un ritracciamento con il superamento del massimo dalla successiva ripresa del trend. Fermo restando che prima di un’inversione mi aspetto una fase laterale che potrebbe essere compresa fra 0,63 e 0,9 circa.

    Rispondi

Lascia un commento