Numero Verde 800 14 04 04 Lun-Ven 9-19

Tecniche di trading: la gestione del rischio

Home»Articoli»Tecniche di trading: la gestione del rischio
210423-Tecniche-di-trading-la-gestione-del-rischio
Oggi vi voglio parlare di alcune tecniche di trading molto molto importanti che riguardano la gestione del rischio.
Ho ricevuto almeno mille domande sull’argomento, quindi mi sono deciso a svelarvi quelli che sono i tre consigli per delle tecniche di trading per una migliore gestione del rischio.

3 Consigli per un ottima gestione del rischio

Stabilire la perdita massima

Questi consigli sono quelli che mi hanno aiutato a limitare le perdite.
Non dimentichiamoci che tra le tecniche di trading più importanti c’è quella di districarsi fra l’equilibrio delle emozioni e la limitazione delle perdite.
Vediamo dunque la prima regola: Stabilisci a priori la tua massima perdita.
Immagina di camminare per strada, una  volta a casa apri il portafoglio, sai che avevi una certa somma dentro ma ti accorgi che non ce l’hai più.
Potresti sentirti dispiaciuto per il fatto della perdita, oppure potrebbe non fregartene assolutamente nulla.
Potresti addirittura sentirti derubato e quindi andare in panico.
Sulla base di queste emozioni devi strutturare una cifra che ti fa sentire come nel secondo caso.
Quella cifra di cui non ti interessa assolutamente nulla e che, allo stesso tempo, non impatta il tuo stile di vita.
Detto proprio in maniera semplice devi capire qual’è quella cifra la cui perdita non ti provoca sofferenza.
Una volta trovata quella somma devi compararla col tuo conto di trading.

Tecniche di trading: quanto rischiare

Una buona gestione del rischio prevede di stare dentro al 2% del capitale per ogni perdita.
Se la cifra che hai pattuito rientra in questi limiti allora va tutto bene.
Se invece li supera dovrai cominciare con una cifra più bassa perchè il rischio di compromettere tutto il capitale, qualora infili una serie di trade perdenti, è molto alto quando rischiamo più del 2% per ogni operazione.
Nel caso in cui, invece, la cifra che hai stabilito è inferiore al 2%, rimarrai comunque su questo importo.
Perché? Semplice, perchè è quell’importo stabilito a priori che ti lascia in una situazione psicologica di vantaggio.
Una volta che avrai preso confidenza e ti sentirai in grado di alzare la posta senza che questa ti faccia andare in ansia o ti provochi le palpitazioni, allora potrai permettermi di rischiare di più.
Tecniche di trading
ATTENZIONE: rischiare di più ma sempre rimanendo dentro il 2% del capitale totale.

Accedi ora al gruppo Facebook. Impara ad investire nel mercato azionario anche se parti da zero.

Modula le perdite

La seconda regola delle tecniche di trading consiste nell’ utilizzare un rischio modulare, ovvero stabilisci la tua perdita massima e  sezionala in più parti.
Cosa vuol dire?
Vuol dire che se ti sei prefissato una perdita massima giornaliera di 200$, e il tuo rischio massimo per trade è di 100$, dovrai andare a gestire questa cifra in modo modulare in base alla tua giornata operativa.
Io, per esempio, rischio 100$ il primo trade, se vado in stop al secondo trade rischio 60$, a quel punto se prendo un’altro stop so che per la giornata posso permettermi una sola altra operazione con un rischio di 40$.
Se prendo un terzo stop chiudo la giornata qualsiasi situazione si presenti dopo.
Ho deciso di rischiare massimo 200$ al giorno, ho raggiunto quel livello? basta chiudo. Questo anche se si dovesse presentare il set-up più bello del mondo.
Tecniche di trading

Tecniche di trading: Rispetta il tuo piano

Bisogna sempre rispettare il proprio piano di trading, pena la distruzione del capitale.
Se perdo 3 trade vuol dire che probabilmente in quella giornata non sono lucido e quindi è meglio smettere prima di continuare a far danni.
Le cifre che ti ho dato sono solo degli esempi.
Puoi anche decidere di fare al massimo 3 trade nella giornata e rischiare 100$ poi 50$ e poi 25$, tenendoti così un piccolo margine extra dalla tua perdita massima.
Abbassare il rischio ti può anche servire per esempio a fine settimana.
Se, per esempio, hai avuto una settimana particolarmente profittevole e magari è venerdì, è inutile continuare a mantenere il rischio pieno, magari inficiando parte se non tutto il guadagno della settimana.
Quindi continuo a fare il mio trading ma con un rischio più basso, così se guadagno benissimo, se invece vado a perdere mantengo comunque la mia settimana in profitto.
L’importante alla fine è cercare di chiudere in positivo più settimane e mesi possibili in modo da avere un bilancio attivo alla fine dell’anno.

Impara subito l’analisi tecnica senza sforzo. Scarica gratis le 22 video pillole di analisi tecnica

Tecniche di trading: Combina gestioni del rischio differenti

La terza regola, per ottimizzare la gestione del rischio consiste nell’unire  allo stop monetario la protezione di uno stop tecnico.
Per spiegare questa regola è meglio usare degli esempi visivi.
Utilizzare lo stop monetario, quindi la nostra perdita che ci siamo prefissati, unita ad una protezione di uno stop tecnico è una
combinazione che porta più probabilità dalla nostra parte.
Questo perché è fondamentale avere sempre uno stop che sia su un livello importante, un livello che il mercato può sentire ed eventualmente rimbalzarci sopra.

Tecniche di trading

Nell’immagine qui sopra possiamo vedere un esempio.
Mettiamo che abbiamo deciso di entrare su questo titolo, alla rottura indica del massimo di swing, ovvero 51,92$.
Abbiamo identificato come minimo importante l’area di 48,55$ circa evidenziata sul grafico.
A questo punto dobbiamo calcolare la percentuale dal nostro punto di ingresso al nostro stop loss tecnico preventivato, 6,5% nel nostro esempio.
É qui che andiamo a combinare la gestione del rischio monetario con lo stop loss tecnico.
Considerando che abbiamo deciso di rischiare 100$, dobbiamo entrare con una size tale che ci permetta di perdere massimo quella cifra qualora raggiunga il nostro stop loss tecnico, ovvero il -6,5%.
Decideremo dunque di entrare nel nostro trade con 1500$ perchè il 6,5% di 1500 è 97,5$, che sarà al nostra perdita in caso di stop loss.

Bloccare le perdite e far correre i profitti

La chiave della  profittabilità è il fatto di riuscire a bloccare quelle che sono le perdite quando abbiamo sbagliato visione e di lasciar correre i profitti quando il mercato ci da ragione.
Non utilizzare questi stop loss tecnici e lasciare andare le perdite nella speranza che risalga è l’unico modo rapido e sicuro per bruciarsi tutto il conto.
Potrà andarti bene una volta, forse due, metti anche 5 volte di fila, ma alla fine vedrai che una scorretta gestione del rischio, basata sulle emozioni e sulla casualità, ti porterà alla fine della tua carriera da trader.
Per concludere ti lascio ad un video del mio amico trader Sergio Merletti.
Sergio è un day trader, e nel day trading queste tecniche di gestione del rischio sono ancora più fondamentali, non perché sia un mercato diverso, ma semplicemente perché nel day trading tutto si muove più velocemente perché perdite e profitti sono amplificati dalla leva.
Inoltre il tempo decisionale è veramente ridotto, ed è per questo che è fondamentale avere studiato un piano a priori.
Quando sei sul mercato potresti non avere il tempo di pensare alla stessa velocità del prezzo, e sapere cosa fare prima che accada è ciò che fa la differenza tra perdere i tuoi soldi o proteggerli.
Buona visione.

Davide Cassaghi
Analisi tecnica

Analisi Tecnica

Scopri il corso definitivo di Analisi Tecnica: impara ad analizzare i mercati e creare la tua strategia di trading.

Scopri subito l’offerta