3 motivi per cui il 90% dei trader perde in borsa

Oggi voglio parlarti dei 3 motivi per cui oltre il 90% dei trader riesce a perdere soldi in borsa.

Infatti 9 trader su 10 perdono soldi in borsa e smettono di fare trading entro un anno da quando iniziano.

Questo è un dato reale che bisogna sempre tenere a mente prima di iniziare quest’attività.

Ma perché così tanti aspiranti trader falliscono così miseramente, quando online si trovano migliaia di contenuti e pubblicità dove ti spiegano che guadagnare dal trading è facile ?

E da questa domanda che voglio spiegarti esattamente perchè quasi tutti, quando iniziano a fare trading, finisco puntualmente col perdere i loro soldi in borsa.

Fare trading e perdere in borsa è difficile?

Assolutamente no! Al contrario è molto semplice versare i propri soldi e perderli, queste sono le uniche cose semplici del trading.

Non mi credi ?

La maggior parte delle persone si avvicina a questo mondo in modo molto superficiale, con un pizzico di inconsapevolezza, magari anche plagiata dai film che vede in tv o al cinema.

Dai siamo sinceri, sono le classiche americanate dove fanno vedere i trader di Wall Street che hanno grande successo, super lusso, tanti soldi e….

Insomma il solito minestrone riscaldato: metti 100 guadagni 10000000000000000000.

Ma alla fine se ci pensi bene è “normale” che le persone si avvicinano a questo mondo pensando di riuscire a fare tanti soldi in  maniera semplice, senza sforzo e diventando il Gordon Gekko di Wall Street !

 

 

Le statistiche dimostrano che perdere in borsa è all'ordine del giorno

Allora prendendo alcune statistiche, che forniscono proprio gli stessi broker, circa 9 trader su 10 perdono soldi in borsa, e smettono di fare trading entro un anno dal loro inizio.

Entro un anno se va bene, se no anche molto prima.

Se oggi volessi iniziare a fare trading, stai certo che hai oltre il 90% di probabilità di fallire, ovvero di perdere soldi e smettere entro un anno.

Questo è un dato abbastanza importante se non preoccupante.

Per i più tenaci invece cosa succede?

I più tenaci, che sono già riusciti a perdere soldi facendo trading, non si arrendono e dopo qualche mese, magari dopo aver visto l'ennesima pubblicità che ti promette guadagni stellari, ricominciano da capo.

Quindi nuovo broker (come se cambiare broker evitasse di far perdere soldi), strategia nuova di zecca, nuovo versamento di capitale e.....

Scommetto che sai già concludere la frase e sai benissimo con quali parole riempire i puntini di sospensione.

 

 

9 Trader su 10 sono destinati a perdere soldi in borsa!

Questa è la triste realtà.

1 Trader su 10 riesce a guadagnare in borsa in maniera costante!

Ti ho voluto evidenziare bene queste 2 frasi perchè dovrai tenerle sempre bene a mente se vuoi iniziare a fare trading in maniera profittevole.

Ma soprattutto voglio fare un'altra importante riflessione con te:

Perché quindi, nonostante queste statistiche, le persone continuano ad avvicinarsi al mondo del trading e a regalare soldi ai broker ?

Beh, la causa principale sono, secondo me, le pubblicità ingannevoli, perché capita sempre, navigando su internet, di incappare in queste pubblicità che ti dicono "Vuoi guadagnare senza rischiare niente ?”, “Vuoi guadagnare anche se non hai mai letto neanche una pagina di un libro di testo finanziario ?", oppure "Non hai mai fatto trading ? Inizia a guadagnare già da subito, leggi questa guida e sarai subito il più grande trader finanziario del mondo".

Queste pubblicità sicuramente fanno leva sulle persone più ingenue che non conoscono realmente questo mondo, perché se fosse davvero così semplice, allora sarebbero 9 persone su 10 che non perderebbero i loro soldi in borsa.

Quindi le persone entrano in questo mondo spinte da queste pubblicità e poi dopo, vuoi perché non hanno esperienza, vuoi perché avevano aspettative troppo alte, alla fine iniziano a fare cavolate, errori e a perdere soldi e alla fine smettere!

Tante persone, oltre a non avere esperienza, a non avere capacità e avere aspettative troppo alte, sbagliano anche e soprattutto il broker che utilizzano oppure lo strumento che tradano.

Molti iniziano, o magari hanno iniziato negli anni passati, con le opzioni binarie, che non sono neanche uno strumento finanziario ma sono praticamente delle semplici scommesse, e per fortuna sono state bandite.

Le persone, pertanto, entravano con questo strumento perché aveva delle leve altissime, ma poi finivano per perdere tutto: fortunatamente sono state bandite anche se addirittura c'è qualcuno, qualche ultimo fermo sostenitore di queste opzioni binarie, che sostiene che le hanno bandite perché erano l'unico strumento con cui i "trader" potevano guadagnare!!

Assolutamente no! Perché le opzioni binarie hanno davvero distrutto valore, distrutto patrimoni e sporcato la vera l'immagine del trader.

 

 

3 motivi principali per cui si tende a perdere soldi in borsa

1) Assenza di una strategia.

Si tende ad approcciarsi al trading senza una solida strategia e più con un'ottica di scommessa.

E qui, lo so che sono ripetitivo ma è il punto cardine di tutto, mi ricollego nuovamente alle pubblicità/film americani.

Ti fanno vedere il trader che scommette, che fa la scommessa della vita con il rischio di perdere tutto, ma anche con l'opportunità di diventare miliardario.

E indovina cosa succede nei film?

Momento di panico, ansia, stress, suspance da film e poi?

BOM! Il protagonista diventa miliardario!

Non a caso si parla di Film.

L'approccio tipico del trader perdente sai qual è?

"Ho questa strategia, ho questo indicatore magico allora posso fregare l'altra parte del mercato"

Classico modo di pensare che porta a perdere soldi in borsa.

Soluzione?

Devi avere una strategia reale! Una strategia basata su uno strumento finanziario che conosci veramente, che ne conosci la natura, che sai com'è composto, che sai come si muove perchè sai a che mercato si riferisce.

Questo vuol dire fare il trader ed avere una strategia.

Non che ti metti a tradare il forex, poi cambi perchè vedi che perdi, allora passi alle materie prime, poi passi all'azionario, e poi?

E poi diventi il classico cane che si morde la coda: giri intorno senza essere in grado di fermarti e trovare la soluzione, che altro non è che studiare e testare una strategia.

Ma se non hai una strategia solida, non sai neanche dove entrare, dove uscire, dove mettere lo stop loss, qual è la tua perdita potenziale e guadagno potenziale, insomma non sai nulla.

Questo è il problema tipico di non avere una strategia: quindi non saper che cosa fare quando le cose vanno bene e quando le cose vanno male: perché è importante sapere che cosa fare sia quando le cose vanno bene, ma soprattutto quando le cose vanno male!

Iniziare a fare trading senza una strategia è come mettere un piede dentro le sabbie mobili: più ti agiti e più rischi di andare a fondo e più difficile sarà risalire.

 

 

2)  La gestione del capitale!

Sai l'esatto momento in cui si inizia a perdere soldi in borsa?

Quando non sai gestire il tuo capitale e di conseguenza non sai gestire il rischio.

Le persone che iniziano a fare trading, e sono alle prime armi, non hanno la minima percezione del rischio, e non hanno la minima capacità di saper gestire il rischio e il capitale.

Ma soprattutto voglio svelarti il classico ragionamento che fa ogni trader alle prime armi:

"Ho 20.000€ di capite, lo divido in 4 parti, e quindi faccio tutte operazioni da 5 mila euro.
Oppure divido il capitale in 5 parti con operazioni da 4.000€ indipendentemente dal titolo che trado, che sia forex, oppure azioni senza chiedermi se sono azioni a larga capitalizzazione, piccola capitalizzazione eccetera"

Bene, sappi che questa non è gestione del capitale, ma semplicemente significa dividere la "torta" e sperare che vada bene.

Diversificare il proprio capitale e non dividerlo come una torta

La diversificazione è la base dell'investimento.

Diversificazione del capitale non significa prendere una torta a dividerla in 4 parti, perché lì e non è che ci vuole il matematico di turno, diversificare significa anche gestire il rischio, saper diversificare nella maniera corretta.

Capisci la differenza?

Questo è il tipico errore di chi non tiene conto del rischio quando fa un'operazione: devi sempre sapere quale sarà la tua perdita massima ed il rischio che decidi di assumerti per ogni singola operazione.

L'approccio alla gestione del rischio deve essere veramente scientifico, non ci deve essere minima discrezionalità, ci sono dei parametri, ci sono dei limiti che non devono essere superati.
Questi stessi limiti saranno il tuo vantaggio in termini statistici e di probabilità.

Il ragionamento è la base di tutto.

Perché devi sempre ragionare pensando che puoi sbagliare, quindi puoi commettere degli errori, puoi chiudere delle operazioni in perdita e puoi anche subire una serie consecutiva di perdite.

Quindi devi pensare, quando fai trading, allo scenario peggiore, ovvero devi sempre pensare che cosa succede se continuassi ad investire con questa logica, con questo determinato approccio.

Ma soprattutto devi pensare: "E se dovessi prendere 10 trade consecutivi in perdita e chiudere tutto in perdita, che cosa accadrebbe al mio portafoglio?"

 

 

3) La psicologia

La psicologia è un aspetto importantissimo, ma soprattutto difficilissimo!

Per quale motivo ?

La strategia la puoi copiare, nel senso che ci sono tante strategie, una più profittevole ed una meno, così come la gestione del rischio.
Sono delle piccole regole replicabili in qualsiasi momento: una volta imparate saranno tue.

MA...

L'aspetto più difficile è quello psicologico, perché non può essere copiato.
Tu non puoi copiare la gestione psicologica, perché la gestione psicologica è interna a te, ogni persona ha la propria psicologia e ogni persona supera le proprie difficoltà psicologiche ed emotive in maniera diversa.

La psicologia comprende diversi aspetti, ci sono le emozioni che si alternano, quindi nel trading le emozioni come "la paura”, “l'euforia", "l'avidità, "l'ottimismo" e "il pessimismo”, a cui si aggiungono lo "stress", la “delusione" e c'è anche il "dolore" perché quando uno perde c'è una vera e propria sofferenza se non se lo aspetta!

Tutte queste emozioni le persone le devono provare per poi gestirle, perché non ti possono dire "guarda devi mettere via l'euforia quando guadagni”,  ma poi quando guadagni il 30% in un'operazione ti senti comunque una trader superfigo (passami il termine), e da lì di solito inizia il tuo calvario di perdite!

Devi saper riconoscere o imparare a riconoscere le emozioni!

Che considerazione hai del denaro?

Un altro aspetto psicologico riguarda la considerazione del denaro: quando fai trading si tende a dimenticare il processo tecnico del trading stesso, saltando una serie di step fondamentali, e passare subito al mero denaro.

Ma nel trading il denaro è una semplice conseguenza di un ottimo lavoro svolto.

Il trading è semplice?

Il trading non è semplice come molte pubblicità di broker vogliono farti credere.

L'unica cosa semplice è perdere i propri soldi.

Come non perdere soldi in borsa

Per non perdere nel trading devi avere

STRATEGIA

PSICOLOGIA

GESTIONE DEL RISCHIO E DEL CAPITALE.

Sono 3 aspetti che vanno tutti quanti di pari passo come se fossero uno sgabello fatto con tre piedi: se togli uno dei tre piedi e tu ti siedi su quello sgabello allora cadi, devono esserci tutti e tre i piedi e tutti i piedi devono essere robusti.

 

 

Un esempio pratico sul titolo FIAT per capire come investire

In questi giorni sono usciti i dati trimestrali di Fiat, e come sai le società ogni 3 mesi pubblicano i loro dati sull'andamento della gestione.

FIAT ha pubblicato dei dati davvero ottimi, l'utile netto quasi raddoppiato, di circa il 92%, e un debito dimezzato.

Quindi la gestione ha raddoppiato gli utili e ha anche dimezzato i debiti, pertanto il piano industriale per quest'anno è stato confermato e le aspettative del business sono state confermare.

Una società sana

Quando si investe in azioni devi andare a cercare le società sane, su cui poi magari utilizzare i grafici per poter definire livelli di ingresso e di uscita, e in questo esempio FIAT è una società sana.

L'investitore, al di là della valutazione in se dell'operazione, deve sapere la società su cui sta operando, la deve capire ed analizzare.

E' vero che ci sono altri aspetti da valutare, però è sicuramente un buon punto di partenza per valutare l'investimento.
Pertanto non ti sto dicendo di andare a comprare FIAT, ma sto dicendo che questo è un esempio di società sana, che potrebbe crescere nel tempo, poi magari dal trimestre prossimo fa un disastro e questo nessuno lo può sapere, però ha sicuramente un buon punto di partenza, rispetto magari una società che aumenta il suo livello di indebitamento trimestre dopo trimestre.

Su questo tipo di società è possibile andare ad utilizzare l'analisi tecnica per definire quando comprare e quando vendere in guadagno e quando vendere anche in perdita.

Un esempio per la gestione del capitale

Mi interessava fare questo esempio proprio per farti vedere un esempio reale ed attuale di società sana, e quando qualcuno parla di investire in azioni, significa investire, ovvero comprare azioni di aziende, di imprese che producono utili e che stanno sul mercato per fare utili.

Mercato azionario vs mercato valutario

Se invece paragoniamo questo tipo di investimento con il forex, ti renderai conto che, molto spesso, ci stiamo mettendo a giocare contro le banche centrali che tentano ognuna di portare acqua al proprio mulino e quindi di svalutare o rivalutare le proprie monete.

Quindi attenzione a fare trading sul forex: attenzione perché veramente si rischia di combattere contro i mulini a vento.

Ti auguro buon Trading

Alessandro Moretti

 


Lascia un commento

Leave a Reply

Your email address will not be published.