Vuoi imparare l'analisi tecnica senza sforzo? Scarica gratis le 22 video pillole di analisi tecnica
menù

Come tracciare una trendline? Pillole di analisi tecnica

18 Settembre 2020

Come tracciare una trendline rialzista?

Le trendline sono delle linee di tendenza, che identificano un trend nell’analisi tecnica.

Un trend è una successione di massimi e minimi crescenti (trend rialzista) o decrescenti (trend ribassista).

In un trend rialzista si può vedere che i minimi di reazione sono tutti maggiori rispetto a quelli precedenti, mentre i massimi di reazione sono sempre maggiori di quelli precedenti.

Le trendline pertanto non fanno altro che seguire questi trend.

Come tracciare una trendline rialzista?

Una trendline rialzista va disegnata unendo minimi di reazione crescenti.

La rottura della trendline è molto importante, perché ci dice se il trend si sta esaurendo o se può cambiare direzione.

Come tracciare una trendline

Come tracciare una trendline ribassista ?

Una trendline ribassista va disegnata unendo i massimi di reazione decrescenti.

Lo stesso discorso di rottura della trendline rialzista vale anche per quella ribassista ovvero ci dice se il trend si sta esaurendo o se può cambiare direzione.

come tracciare una trendline

COME TRACCIARE UNA TRENDLINE:

Una trendline è dunque una linea retta rialzista o ribassista che unisce una serie di minimi di reazione crescenti o una serie di massimi di reazione decrescenti.

Per poter disegnare una trendline sono necessari almeno 2 punti.

Una trendline misura la pendenza del trend in un dato arco temporale.

Dai principi generali del trend deriva che:

  • Una volta che un trend ha assunto una certa pendenza, identificata da una trendline, solitamente tenderà a mantenerla.
  • E’ più probabile che il trend prosegua la sua direzione, piuttosto che invertirla.
  • Le trendline sono utili per individuare le estremità delle fasi correttive.
  • La rottura di una trendline è uno dei primi avvertimenti che il trend sta cambiando (attenzione non invertendo, ma semplicemente cambiando).

Un trend può cambiare da rialzista a neutrale e non necessariamente da rialzista a ribassista, c’è sempre una fase centrale neutra.

Quando vengono violate invertono il loro ruolo da livello di supporto a livello di resistenza e viceversa.

VALUTARE LA FORZA DI UNA TRENDLINE

La forza di una trendline può essere valutata in tre punti:

  • Numero di test: più volte su una trendline si formano punti di inversione e maggiore sarà la sua forza e quando viene rotta maggiore è la sua importanza.

  • Lunghezza: più a lungo una trendline rimane inviolata e maggiore sarà la sua forza.
  • Pendenza: maggiore è la pendenza, minore sarà la sua importanza, in quanto il trend risulta essere meno sostenibile.
  • Minore è la sua pendenza e maggiore sarà la sua forza, e di conseguenza, più importante sarà il suo breakout

STABILIRE LA VALIDITA’ DI UNA ROTTURA

Andiamo a stabilire la validità di una rottura di una trendline.

Esistono 3 tipi di filtri o criteri:

  • Prezzo: la trendline deve essere violata almeno del 3% (prezzi di chiusura).

  • Volume: la violazione deve avvenire con un incremento sostanziale dei volumi (fatta eccezione per gli sfondamenti verso il basso). Perché i prezzi per salire hanno bisogno di un notevole incremento di volumi, mentre per scendere non necessariamente hanno bisogno di volumi elevati.

  • Tempo: la trendline deve rimanere violata per almeno 2 giorni, per avere quella rottura confermata.

Tutto chiaro su come tracciare una trendline?

Mi farebbe piacere se mi lasciassi qui sotto un commento o un like in modo da sapere se i contenuti che pubblico sono di tuo gradimento,

oppure condividere l’articolo con i tasti qui in basso, con i tuoi amici e colleghi.

Qui sotto trovi tutti i miei contatti social e se vuoi scrivermi puoi farlo a: [email protected]

Ti auguro buon trading.

ACCEDI ORA al gruppo Facebook Io Investo dove troverai ogni giorno video analisi dei titoli azionari, rubriche di approfondimento, supporto e assistenza da ben 4 analisti tecnici per l’analisi dei titoli che hai in portafoglio.

Alessandro Moretti

Lascia un Commento

2Commenti

Lascia un commento