1 settembre 2020: esce il nuovo libro di IoInvesto: leggi subito i primi 2 capitoli
menù

Le basi del Trading nel Forex

1 Luglio 2020

“Forex Trading” o Foreign exchange market, sta per “mercato valutario” e si riferisce all’acquisto o alla vendita di una valuta in cambio di un’altra.

È il mercato più pesantemente scambiato al mondo (in gergo il più liquido), perché vi partecipano persone, aziende e paesi, ed è un mercato facile da raggiungere perché non necessita di grossi capitali.

Il concetto di base è semplice.

Per esempio quando apri una posizione sul Dollaro, stai sostanzialmente convertendo i tuoi Euro in Dollari, e stai partecipando così al mercato globale dei cambi.

In qualsiasi momento, la domanda di una determinata valuta la spingerà verso l’alto o verso il basso, sempre in proporzione alle altre valute. Ecco alcune nozioni di base sul Forex.

Forex Trading:

Cambi e Cross valutari

Nel mercato del forex, le valute vengono sempre trattate in coppia.

Quando si cambiano dollari statunitensi in euro, ci sono due valute coinvolte, il cambio mostra sempre il valore di una valuta rispetto all’altra.

La quotazione di EUR/USD, ad esempio, consente di sapere quanti dollari Americani (USD) sono necessari per acquistare un euro (EUR).

Il mercato del forex utilizza simboli per designare coppie di valute specifiche.

L’euro è simboleggiato da EUR, il dollaro USA da USD, il cambio che ne deriva sarà EUR/USD.

Altri simboli di valuta comunemente scambiati includono AUD (dollaro australiano), GBP (sterlina britannica), CHF (franco svizzero), CAD (dollaro canadese), NZD (dollaro della Nuova Zelanda) e JPY (yen giapponese).

Ogni coppia avrà un prezzo di mercato associato ad essa.

Il prezzo indica il valore della seconda valuta necessaria per acquistare un’unità della prima valuta.

Se il prezzo della coppia EUR/USD è 1.3635, significa che l’acquisto di un euro costa 1.3635 dollari Americani.

Ma cosa sono i cambi e i cross valutari e in cosa si differiscono?

  • Sono definiti CAMBI tutte quelle coppie che coinvolgono il Dollaro Statunitense (EUR/USD, USD/JPY, GBP/USD, …).
  • Sono definiti CROSS invece, tutte quelle coppie o “cambi derivati“, dove non è presente il Dollaro Statunitense (EUR/GBP, NZD/JPY, …).

Forex Trading:

Prezzi di mercato: una rapida panoramica

Operare nel forex comporta necessariamente  la conoscenza della terminologia che deriva, la conoscenza delle dinamiche di mercato e un adeguato risk management a tutela del proprio capitale.

Molte coppie si sposteranno di 50, 100 pips al giorno (a volte di più, a volte di meno, a seconda delle condizioni generali del mercato).

Un pip (acronimo di Point in Percentage) è il nome utilizzato per indicare la quarta posizione decimale in una coppia di valute o la seconda posizione decimale se ci si riferisce allo Yen giapponese JPY.

Quando il prezzo di EUR/USD passa da 1.3600 a 1.3650, si ha un movimento di 50 pips;

in altre parole, se acquistassi la coppia a 1.3600 e la vendessi a 1.3650, otterrei un profitto di 50 pips.

Il profitto realizzato sull’operazione teorica di cui sopra dipende dalla quantità di valuta acquistata.

Se hai acquistato:

  • 1.000 unità in USD (chiamato micro lotto) ogni pip vale $0,10, quindi calcolerai il tuo profitto come (50 pips x $0,10) = $5 per un guadagno di 50 pips.
  • 10.000 unità (mini lotto), ogni pip vale $ 1, quindi il tuo profitto finisce per essere $50.
  • 100.000 unità (lotto standard) ogni pip vale $10, quindi il tuo profitto sarà $500.

Quanto vale ogni pip viene detto “valore pip”.

Per ogni coppia in cui l’USD è elencato per secondo, si applicano i valori pip sopra indicati.

Se l’USD è elencato per primo, il valore del pip potrebbe essere diverso.

Per trovare il valore del pip di USD/CHF, ad esempio, bisogna dividere il valore del pip normale (menzionato sopra) per il tasso di cambio attuale di USD/CHF.

Un micro lotto vale $0,10/0,9435 = $0,1060, dove 0,9435 è il prezzo corrente della coppia.

Per le coppie JPY (USD/JPY), segui questo stesso processo, ma poi moltiplica per 100.

Per una spiegazione più dettagliata, cerca Calcolo del valore Pip in coppie Forex diverse.

Ai fini del trading, la prima valuta elencata nella coppia è sempre la valuta visualizzata sul grafico.

Se il prezzo sale su EUR/USD, significa che l’euro si sta muovendo più in alto rispetto al dollaro USA.

Se il prezzo sul grafico sta scendendo, allora l’euro sta diminuendo di valore rispetto al dollaro.

Comprendere i concetti di cui sopra ti aiuterà a capire cosa sta succedendo quando vedi una coppia salire o scendere sul grafico.

Se fai i calcoli sulla differenza di pip tra due valori di prezzo potrai anche vedere il potenziale profitto che comporta tale movimento.

Strategie di trading nel Forex

La decisione di acquistare un titolo basato su “rumors” per poi rivenderlo al sopraggiungere di “notizie ufficiali” può sembrare un piano precario, ma può anche essere intelligente.

“Acquista un pettegolezzo, vendi la notizia” è un fenomeno che si verifica nella maggior parte dei mercati, e in particolare nei mercati finanziari.

A volte gli operatori trasformano questa idea in una strategia di trading che attinge da ciò che credono accadrà in un prossimo rapporto o evento economico.

Quando il trader acquista un asset basato su questa speculazione, ciò costituisce la fase di “rumors” della strategia.

Una volta superato l’evento atteso o rilasciato il rapporto, la proverbiale notizia è stata resa pubblica.

Il trader quindi scarica le proprie posizioni e si riparte da capo.

Forex Trading:

Una lezione sui “Rumors”

Nei mercati al di fuori del mercato dei cambi (forex), commercianti e investitori spesso acquistano in base ai flussi di cassa futuri previsti.

Ciò significa che se si prevede che una società fornirà più entrate agli azionisti di quanto si pensasse in precedenza, gli operatori acquisteranno rapidamente le azioni per trarre vantaggio da un aumento dei dividendi o dall’aumento dei prezzi delle azioni.

Questo comportamento si applica anche nel forex, ma al posto dei flussi di cassa, gli operatori spesso agiscono sulle variazioni previste dei tassi di interesse.

Gli investitori che utilizzano questa strategia tendono a cercare mercati sottovalutati.

Quando potenziali notizie o informazioni suggeriscono che un’attività può produrre più flussi di cassa futuri, questo è il “rumors”: si dice che l’attività valga di più nelle prossime settimane o mesi.

Gli investitori compreranno tale attività fino al punto in cui non è più sottovalutata.

Se il rumors è falso o il mercato sopravvaluta tale società in modo che non sia più sottovalutata, una notizia o un rapporto finanziario che scende leggermente al di sotto delle aspettative causerà giustamente un sell-off.

Solo un evento di notizie a sorpresa che superano le aspettative farà sì che lo stock sostenga la sua valutazione.

Se un evento di notizie a sorpresa è abbastanza positivo, potrebbe potenzialmente spingere il prezzo ancora più in alto.

Un esempio applicato al Forex

Uno scenario forex comune che produce sia rumors che notizie riguarda la banca centrale di un paese e la sua politica dei tassi di interesse.

Quando una banca centrale alza i tassi di interesse, in genere segnala un’economia forte e gli operatori forex si aspettano che il valore della valuta in questione aumenti.

Se un trader forex ha un intuizione o crede in altro modo che una banca centrale aumenterà i tassi di interesse (fase rumors), quel trader potrebbe acquistare la valuta corrispondente.

Quindi, quando la banca centrale sposta effettivamente il tasso di interesse, (fase della divulgazione della “notizia”), quel trader guarderà mentre la notizia spingono il valore della valuta verso l’alto.

Una volta che la valuta raggiunge un valore abbastanza alto da far guadagnare al trader un buon profitto, quel trader “venderà la “notizie” e scambierà la valuta a un prezzo più alto.

ACCEDI ORA al gruppo Facebook Io Investo dove troverai ogni giorno video analisi dei titoli azionari, rubriche di approfondimento, supporto e assistenza da ben 4 analisti tecnici per l’analisi dei titoli che hai in portafoglio.

Forex Trading:

Implicazioni di “Compra la voce Vendi la notizia”

Una delle principali frustrazioni per i trader viene data dall’acquisto di qualcosa che credi essere forte, per poi scoprire essere solo un flop.

Ci sono molte ragioni per cui ciò potrebbe accadere, ma ciò potrebbe dipendere dalle differenze nel modo in cui gli operatori elaborano le informazioni.

Questa idea è stata evidenziata nel libro dell’economista Daniel Kahneman, vincitore del premio Nobel, “Pensare, veloce e lento”.

In tal caso, un trader si prende il tempo di digerire le notizie prima di fare uno scambio, mentre altri trader agiscono impulsivamente non appena vengono fuori le voci.

I trader ad azione lenta spesso forniscono la liquidità ai trader esperti per trarre vantaggio dal “rumors” o dalla “notizia”.

La Bottom Line

Quando esce un evento di notizie positive e il prezzo aumenta, entrare in quel comunicato stampa positivo può potenzialmente essere il momento peggiore per entrare nel mercato.

Questo è il momento in cui tutti gli altri che hanno acquistato le azioni al prezzo più basso potrebbero uscire dal mercato per ottenere un profitto.

Ci sono poche cose nel forex trading più frustranti che essere la fonte di liquidità per altri trader.

Uno dei modi migliori per evitare questo destino è quello di aspettare un ritracciamento dopo un buon evento di notizie – una breve inversione nella direzione dei prezzi – per acquistare a un prezzo migliore.

Questa è solo una microscopica panoramica di quel che è il mondo del Forex.

Le insidie che si celano dietro le dinamiche del forex necessitano di diversi mesi di studio e simulazione.

Trasformati in un vero trader con il percorso da 0 a finalmente Trader, senza commettere quei terribili (e costosi!) errori che io stesso ho commesso 10 anni fa!.

Alessandro Moretti

Lascia un Commento

0Commenti

    Lascia un commento