1 settembre 2020: esce il nuovo libro di IoInvesto: leggi subito i primi 2 capitoli
menù

CPI Indice dei prezzi al consumo

14 Luglio 2020

L’ indice dei prezzi al consumo (Cpi) è uno dei dati macroeconomici americani più seguiti,

è il più importante indice dell’inflazione e misura la variazione media dei prezzi al dettaglio per beni e servizi a livello mensile.

L’inflazione è molto importante perché ha  un forte impatto sulla vita concreta di tutti, per i consumatori poiché aumenta i prezzi di beni e servizi;

per le imprese perché causa l’innalzamento dei  costi dei prestiti e degli input di produzione

e anche per i mercati finanziari perché va a pesare negativamente sulle quotazioni di obbligazioni e azioni.

CPI Indice Prezzi al Consumo: Come si calcola

L’elaborazione dell’indici dei prezzi al consumo si basa sulla rilevazione dei prezzi di beni e servizi che appartengono a 200 categorie merceologiche, poi raggruppate in 8 grandi gruppi: casalinghi, alimentari e bevande, trasporti, cure mediche, abbigliamento, tempo libero, istruzione, altri beni e servizi.

indice dei prezzi al consumo

Indice dei prezzi al consumo

Nelle prime tre settimane del mese vengono rilevati i prezzi praticati da 23.000 punti vendita di 87 aree metropolitane degli Stati Uniti d’America, lo stesso paniere viene poi analizzato ogni mese successivo.

Aggiustamenti al sistema di elaborazione vengono periodicamente effettuati per quei  prodotti il cui prezzo  varia significativamente per fattori stagionali come ad esempio le commodities.

Indice dei prezzi al consumo

Per evitare che variazioni di tali prodotti possano alterare la percezione del vero trend dell’inflazione al dettaglio,

viene calcolato il così detto indice “core”, nella cui elaborazione non sono compresi i prezzi dei prodotti alimentari e di quelli energetici.

Ogni due anni i “pesi” associati ad ogni categoria vengono rivalutati, per riflettere i cambiamenti avvenuti nel modello di consumi degli americani.

ACCEDI ORA al gruppo Facebook Io Investo dove troverai ogni giorno video analisi dei titoli azionari, rubriche di approfondimento, supporto e assistenza da ben 4 analisti tecnici per l’analisi dei titoli che hai in portafoglio.

Quali sono i dati più importanti da considerare dell’indici prezzi al consumo? e che effetti producono?

Ovviamente  dobbiamo monitorare la variazione mensile e annuale dell’indice CPI e dell’indice “core”.

L’inflazione peggiora la qualità della vita riducendo il potere d’acquisto dei redditi dei cittadini. Nel breve periodo può aumentare gli introiti delle imprese

ma, un aumento sul lungo periodo finisce per incrementare i costi di tutti gli input di produzione, e dei prestiti.

Se l’inflazione cresce a ritmi alti, è allora possibile che la Federal Reserve aumenti i tassi di interesse, e questo ha solitamente un impatto negativo sui mercati finanziari.

Se l’inflazione dovesse rivelarsi superiore alle attese, è possibile che i prezzi delle obbligazioni si abbassino aumentandone  a sua volta i rendimenti.

Un’inflazione in linea con le attese o in calo invece, farà in modo che i prezzi non mutino, o addirittura salgano.

La crescita dell’inflazione può portare anche  all’aumento del costo dei prestiti per le imprese seguendo due vie:

  1.  le dinamiche proprie dei mercati obbligazionari, per cui attese di aumento dei prezzi al consumo riducono il rendimento reale atteso dall’investimento e alla richiesta di remunerazioni monetarie più alte che la compensino.

  2.  attraverso le possibili decisioni della Fed di alzare i tassi di interesse per prevenire ulteriori impennate dei prezzi.

Qualunque sia la via seguita, l’aumento del costo dei prestiti può causare una riduzione dei profitti, e quindi delle quotazioni dei titoli azionari.

L’effetto di un aumento del prezzo al consumo ha anche ripercussioni sulla moneta di un paese.

Da un lato, riduce il rendimento reale di qualsiasi investimento in quella valuta ( in questo caso il dollaro), se però gli operatori del mercato valutario considerano che la Fed stia reagendo in maniera adeguata alle spinte inflazionistiche in atto, è anche possibile che la quotazione del dollaro aumenti.

Per approfondimenti: https://www.bls.gov/cpi/overview.htm

Trasformati in un vero trader con il percorso da 0 a finalmente Trader, senza commettere quei terribili (e costosi!) errori che io stesso ho commesso 10 anni fa!.

Davide Cassaghi

Lascia un Commento

0Commenti

    Lascia un commento