GAP UP E GAP DOWN: ECCO COME FARE TRADING CON LE WINDOWS (GAP)

Le windows sono l’equivalente dei gap con cui in occidente chiamiamo i vuoti di prezzo, in oriente questi vuoti di prezzo gli chiamano windows, quindi finestre.

E mentre noi diciamo gap up e gap down in oriente dicono raising window per identificare un gap rialzista e falling window per identificare un gap ribassista.

 

Le finestre sono il pattern di continuazione delle candele giapponesi per eccellenza infatti sono l’espressione di massima continuazione del trend.

Quindi è importante sapere che quando si creano queste windows mostrano forza nella direzione in cui si sviluppano, quindi se abbiamo un trend rialzista e si forma un gap rialzista questo modello è la massima espressione di forza di questo trend e quindi noi dobbiamo andare ad operare al rialzo su questo trend.

Stessa cosa all’opposto sei si forma una falling window in un trend ribassista allora questa è un’espressione di forza e di continuazione del trend ribassista e quindi noi dobbiamo andare ad operare short.

La window è un vuoto di prezzo che si forma tra due candele adiacenti.

ATTENZIONE!

Questo vuoto di prezzo deve comprendere anche le shadow sia al rialzo che al ribasso, quindi le ombre delle candele non devono sovrapporsi.

COME FARE TRADING CON I GAP UP E GAP DOWN?

 

gap

 

Tutte le raising window, quindi le finestre rialziste (i gap up), fanno da zone di supporto ed è tutta l’area che fa da zona di supporto, quindi allo sviluppo di un gap è possibile andare ad operare long sulla forza, possiamo operare sulla debolezza e possiamo facilmente andare a posizionare uno stop loss sotto la formazione della finestra.

Occorre prestare attenzione perchè non è possibile sapere dove si andranno a fermare i prezzi all’interno della finestra, in quanto è tutta l’area che fa da supporto quindi necessariamente si deve andare a posizionare lo stop loss sotto il gap.

L’opposto ovviamente avviene nel caso in cui abbiamo una falling window (gap down) e quindi la zona di vuoto di prezzi rappresenta una zona di resistenza e quindi si deve andare ad operare short sia sulla forza del trend ribassista sia su eventuali rimbalzi ma mettere uno stop loss oltre il vuoto di prezzi.

Questo perchè tutta questa zona farà da resistenza e si può sapere dove si fermeranno i prezzi.

3 GAP CONSECUTIVI

Un’altra cosa importante è che dopo la formazione della terza finestra nella direzione del trend consecutiva al terzo gap per i giapponesi poteva essere l’ultimo gap nella direzione del trend e quindi quello poteva essere un segnale di esaurimento.

Per esperienza però posso dire che ci sono alcuni trend, specialmente quelli molto forti, dove si possono susseguire più di tre gap.

Nonostante ciò, se si vede che si è già al terzo gap, e questi gap vengono chiusi rapidamente dal mercato, bisogna prestare attenzione perchè potrebbero essere gap di esaurimento, e quindi il mercato potrebbe essere vicino all’esaurimento di quel trend.

Nel video che ti ho messo in alto all’articolo noti che il primo gap trend rialzista, gap con rottura, che ovviamente assume maggiore importanza se si trova in vicinanza di livelli importanti dei grafici.

Successivamente noti la formazione di due gap che danno forza al trend, addirittura il trend, da quando si forma il primo gap, intorno a 100, arriva poi a 180 facendo addirittura l’80%.

 

CORSO COMPLETO DI ANALISI TECNICA

ACCEDI ORA ALL'AREA RISERVATA RICCHISSIMA DI CONTENUTI DI ELEVATO VALORE DOVE POTRAI TROVARE IL CORSO COMPLETO DI ANALISI TECNICA (BEN 22 VIDEO DI FORMAZIONE)

 

2 PATTERN DI PREZZO FORMATI DAI GAP (WINDOW)

Per quanto riguarda la formazione delle finestre, i giapponesi hanno creato una serie di pattern di prezzo che ne tengono conto.

Tra tutte quelle più importanti sono due

L’upward gapping tasuki

Il downward gapping tasuki

I rimanenti sono meno rilevanti, ma la parte fondamentale da ricordarsi è che se ti trovi di fronte la formazione di una finestra l’importante è operare nella direzione della finestra.

Quindi se la formazione della finestra rafforza il trend nella direzione in cui si sta sviluppando, ad esempio un trend rialzista, e si forma un gap up e quindi una finestra rialzista, questa finestra incrementa la forza del trend.

COME IDENTIFICARE I PATTERN CON I GAP

Per l’identificazione della figura innanzitutto deve esserci un trend al rialzo, dopodichè deve formarsi un gap tra la prima e la seconda candela e la seconda e la terza candela devono avere queste caratteristiche:

  • Devono essere due small candle, quindi con il real body molto piccolo
  • La prima deve essere una candela verde la seconda una candela rossa, dove la seconda deve aprire nel corpo della prima candela e deve chiudere poco sotto il minimo o comunque vicino l'apertura della prima candela
  • Nessuna di queste due candele deve andare a chiudere il gap in quanto è importante che il gap rimanga aperto. Ovviamente il minimo di questo gap farà da stop loss e dopo il completamento del pattern possiamo andare ad operare long, questo ci permette anche di avere un rapporto rischio rendimento migliore perché nell'ultima candela abbiamo avuto una piccola correzione

RIASSUMENDO LA FORMAZIONE DEI GAP UP E GAP DOWN

Quindi ricapitolando quello che serve per la validazione del pattern è:

  1. Un trend rialzista
  2. La formazione di un gap
  3. Il real body delle 2 candele che devono essere piccoli dove la prima è verde e la seconda è rossa e  apre nel corpo della prima e chiude poco sotto il gap.

Il downward gapping tasuki è il completo opposto, quindi trend ribassista, con una prima candela in direzione del trend, in questo caso rossa, poi abbiamo il gap down, quindi falling windows

Le due candele avranno il corpo piccolo di cui la prima deve essere rossa e la seconda verde che dovrebbe aprire nel corpo della prima candela, e chiudere in prossimità dei massimi della prima candela con il gap che deve rimanere aperto.

Nel caso in cui il gap venga chiuso, esso viene invalidato, quindi dalla candela successiva al completamento del pattern si può operare short con lo stop loss sopra l’apertura del gap che farà da resistenza.

Anche in questo caso si hanno rapporti rischio rendimento migliori perché si è atteso un piccolo rintracciamento.

 

TI SONO STATI UTILI QUESTI PATTERN?

 

Mi farebbe piacere se mi lasciassi qui sotto un commento o un like in modo da sapere se i contenuti che pubblico sono di tuo gradimento, oppure condividere l’articolo con i tasti qui in basso, con i tuoi amici e colleghi.

Qui sotto trovi tutti i miei contatti social e se vuoi scrivermi puoi farlo a: info@segnaliditrading.net

Ti auguro buon trading

Alessandro Moretti

 


Lascia un commento

    2 replies to "Gap Up e Gap Down: Fare Trading Con Le Window"

    • Constantin

      Bravo ALE.sei utile nell trading in senso che aprì gli occhi verso la parte giusta.sono dacordo con che dobbiamo imparare e etc… .grazie di tutto

      • SegnaliDiTrading

        Ciao Costantin, grazie a te. Sono contento che ti piacciano i contenuti che pubblico 🙂

Leave a Reply

Your email address will not be published.