Vuoi imparare l'analisi tecnica senza sforzo? Scarica gratis le 22 video pillole di analisi tecnica
menù

FCA: Analisi di mercato

31 Agosto 2020

Sono ormai lontani i giorni in cui Fiat Chrysler Automobiles – FCA annunciava la fusione con il gruppo industriale francese PSA, dando vita ad uno dei gruppi automobilistici più grandi al mondo con una capacità produttiva di 8,7 milioni di veicoli l’anno.

La crisi dovuta al Covid-19 non ha guardato in faccia nessuno e in un attimo la stragrande maggioranza dei titoli sono crollati sotto il peso di una pandemia globale.

Fortunatamente con la stessa violenza con cui c’è stato il crollo, altrettanto repentino, forte e soprattutto inusuale e inaspettato è stato il recupero.

In genere la ripresa dei prezzi è molto più lenta rispetto all’impeto dei drawdown ma questa volta, fortunatamente, non è stato così.

Ripercorriamo in breve la storia di questo grande marchio per poi arrivare ai giorni nostri cercando di capire se può essere o meno un buon asset sul quale investire.

La storia di Fca

Circa 120 anni fa, e precisamente l’11 luglio del 1899 a Torino, un gruppo di aristocratici del tempo, di cui fece parte quasi casualmente anche il possidente Giovanni Agnelli, nonno dell’arci noto avvocato Gianni Agnelli, diedero vita al gruppo automobilistico che tutti noi oggi conosciamo con l’acronimo di FCA.

In primis FIA e subito dopo FIAT, si distinse nel corso degli anni diventando il più importante gruppo finanziario e industriale italiano del ventesimo secolo.

Si affermò come la maggior casa produttrice automobilistica in europa, terza a livello mondiale, preceduta solo da General Motors e Ford, almeno fino alla crisi che la colpì intorno alla fine degli anni ’80.

L’azienda arriva ai giorni nostri grazie alle capacità straordinarie di uomini come Giuseppe Valletta, che la rialzò dopo la fine della seconda guerra mondiale, dello stesso Gianni Agnelli, presidente fino all’età di 75 anni, e del controverso Sergio Marchionne che la portò, con non poche difficoltà, a diventare una delle realtà più importanti a livello mondiale.

ACCEDI ORA al gruppo Facebook Io Investo dove troverai ogni giorno video analisi dei titoli azionari, rubriche di approfondimento, supporto e assistenza da ben 4 analisti tecnici per l’analisi dei titoli che hai in portafoglio.

L’acquisto di Chrysler

Il successo mondiale fu raggiunto grazie anche all’acquisizione da parte del gruppo FIAT di Chrysler, dando vita al gruppo Italo-Statunitense che tutti noi oggi conosciamo con l’acronimo di FCA.

Questi sono gli ultimi 14 anni di FIAT  (poi divenuta FCA), che coincidono con l’era Marchionne.

fca analisi oggi

Prorealtime – time frame mensile

Una performance che non lascia spazio ai dubbi.

+1100% nonostante il crollo dell’86% dovuto alla crisi finanziaria del 2008.

fca +1100

Prorealtime – time frame mensile

Il titolo con sede legale ad Amsterdam e domicilio fiscale a Londra è quotato al NYSE di New York e su BORSA ITALIANA.

FCA ha fatturato nel 2019 €108 miliardi ed ha realizzato un utile netto di €6.6 miliardi, raddoppiando quasi la performance del 2018 che registrava un utile di appena 3.6 miliardi.

Come possiamo notare dal grafico il titolo presenta un trend di fondo rialzista, mentre nel medio periodo massimi e minimi decrescenti delineano un quadro ribassista.

analisi tecnica fca

Prorealtime – time frame mensile

Come la stragrande maggioranza dei titoli azionari mondiali, anche FCA ha subito pesantemente le conseguenze della crisi pandemica con un crollo di oltre il 50% che comunque è già stato quasi completamente riassorbito.

Passando sul time frame settimanale vediamo come il titolo abbia consolidato tra gli €11, appoggiandosi sulle ex resistenze fatte registrare tra febbraio e marzo del 2017, e i €12,7.

Successivamente c’è stato il brake al rialzo fino in area €14.5 dove però il titolo ha interrotto la sua corsa anche a causa dello scoppio della crisi dovuta al Covid.

analisi tecnica fca

Prorealtime – time frame settimanale

E adesso cosa succederà al titolo? 

Nel contesto attuale una fortissima componente psicologica rende difficile qualsiasi analisi, più di quanto già non lo sia di solito.

L’euforia di chi si avvicina ora al titolo in questo forte trend di ripresa, e l’incertezza di chi magari valuta la situazione un po più a livello generale e su un più ampio orizzonte temporale, la fanno da padrona.

La stagione estiva è quasi al termine e un eventuale ondata di ritorno del Covid butterebbe nuovamente nel panico i mercati ignorando, come già successo, qualsiasi tipo di buona news sui vari titoli.

In questo limbo temporale monopolizzato dall’incertezza, molte società decidono di temporeggiare nell’annunciare al grande pubblico i loro nuovi progetti, consapevoli che il ritorno della pandemia ne vanificherebbe tutti gli sforzi.

In un contesto del genere operare nel breve periodo può essere la scelta più adatta ma non è detto che questo valga anche per il titolo FCA.

Ora più che mai, un adeguato risk & money management che mette a riparo da eventuali eccessi di volatilità, tipici di situazioni simili, non può mancare.

Delineata la situazione generale attuale passiamo all’analisi del titolo FCA.

Analisi tecnica FCA

Per quanto riguarda il quadro tecnico, il titolo FCA è a ridosso di importanti resistenze in area 10€.

Il gap down fatto registrare il 9 marzo 2020 non aiuta, così come non aiutano le vecchie resistenze di cui accennavamo prima o  le medie mobili semplici a 50, 150 e 200 periodi.

analisi tecnica fca

Prorealtime – time frame settimanale

Per il titolo si preannuncia una vera e propria corsa ad ostacoli non indifferente prima di tornare sui suoi massimi storici in area 20€ e questo si traduce in un elevata rischiosità dell’operazione.

Riuscire ad operare in range così stretti e con una volatilità così ampia è un impresa ardua e visto le migliaia di titoli che il mercato offre, forse è meglio lasciar perdere.

L’attuale situazione infatti rende difficile sia un operatività in trend che in contro-trend.

Trasformati in un vero trader con il percorso da 0 a finalmente Trader, senza commettere quei terribili (e costosi!) errori che io stesso ho commesso 10 anni fa!

Analisi fondamentale FCA

Sul lato fondamentali FCA risente chiaramente della crisi dovuta al Covid.

Anche se negli ultimi 7 giorni c’è stata una lieve ripresa, le performance annuali non lasciano spazio all’immaginazione.

analisi tecnica fiat

L’ultima trimestrale rilasciata il 31 Luglio scorso vede ricavi in forte diminuzione e utili negativi.

Le previsioni però, Covid permettendo, sono positive.

fiat analisi tecnica

Gli indici di redditività risultano chiaramente negativi e in sotto-performance rispetto al mercato perchè come ben sappiamo, tra le società maggiormente colpite ci sono proprio le compagnie aeree e quelle automobilistiche.

analisi titolo fiat

Allo stesso tempo equity e indebitamento non potevano non risentirne con quest’ultimo che schizza al 75%.

fiat azioni previsioni

Infine concludiamo con un dato confortante, almeno in parte…

analisi tecnica titolo fiat

L’attuale valore delle azioni è sottovalutato rispetto al suo valore equo.

Questo, in linea con la natura della società di tipo Value piuttosto che Growth, apre un piccolo spiraglio ad un operatività sul lungo termine, approfittando proprio del momento di difficoltà per beneficiare in un ritorno, si spera rapido, alla normalità.

Fatemi sapere se questa analisi vi è stata utile e soprattutto se vi ha aperto a nuove riflessioni

Aspetto le vostre opinioni nei commenti

Trasformati in un vero trader con il percorso da 0 a finalmente Trader, senza commettere quei terribili (e costosi!) errori che io stesso ho commesso 10 anni fa!.

Marco Rimo

Lascia un Commento

0Commenti

    Lascia un commento