1 settembre 2020: esce il nuovo libro di IoInvesto: leggi subito i primi 2 capitoli
menù

10 passi per creare una strategia di trading di successo

15 Luglio 2020

In molti puntano a diventare dei trader di successo ed esistono diverse ottime strategie di trading che potrebbero permetterti di diventarlo.

In questo articolo andremo a pianificare passo passo il nostro percorso per raggiungere una strategia di trading vincente.

Strategie di Trading:

Qualsiasi sia il tuo metodo di trading, avrai bisogno di una strategia di trading

Chiunque decida di investire i propri denari, a prescindere dall’orizzonte temporale, quello che non può mancare è una strategia.

Perché?

Perché una strategia di trading vi permetterà di evitare l’emotività, le tentazioni, l’euforia dei successi e lo sconforto dei fallimenti.

Una strategia di trading vi terrà in carreggiata evitandovi spiacevoli fuoripista che nel trading più che in qualsiasi altra professione, sono particolarmente infidi.

Sembrerà banale ma posso assicurarvi che non lo è.

Warren Buffet, l’oracolo di Omaha, il più grande investitore di sempre con un patrimonio personale che si aggira intorno ai 90 miliardi di dollari (avete letto bene? 90 miliardi! provate a paragonare questa cifra con l’ultima manovra finanziaria italiana), ha affermato in più occasioni che qualsiasi investitore deve mantenere una lucidità e una razionalità nel fare le sue scelte, fuori dal comune.

Ogni investitore ha bisogno di una gran personalità e un gran autocontrollo per distinguersi dalla massa e non farsi influenzare perché il più delle volte la massa è irrazionale.

Avere una strategia di trading con regole precise e chiare vi aiuterà a diventare profittevoli nel lungo termine.

Ecco i 10 punti che vi aiuteranno a formulare un piano di trading efficace.

Strategie di Trading :

 1) Determinare il proprio obiettivo di trading

Nel formulare la propria strategia di investimento, un investitore dovrebbe sapere cosa vuole ottenere prima di iniziare.

Avere un obiettivo prefissato, darà all’investitore più disciplina.

Ad esempio, potremmo avere un obbiettivo di breve termine e quindi più orientato al trading, piuttosto che uno a lungo termine e di conseguenza più orientato all’investimento.

Fissare nel primo punto il proprio obbiettivo ci aiuterà a concentrarci su di esso.

 2) testare la propria strategia di trading

Una volta determinata la propria strategia, la si deve testare.

Il backtest di una strategia di trading ti permetterà di valutare l’efficacia della tua strategia.

L’uso di un simulatore come un trading System ti eviterà di rischiare inutilmente il tuo capitale mentre sei alla ricerca del setup migliore.

 3) Stabilisci quanto tempo puoi dedicare al tuo trading

Oltre ad avere un obbiettivo realisticamente raggiungibile, devi anche capire se hai abbastanza tempo per realizzarlo.

Se hai poco tempo e un orizzonte temporale lungo, un portafoglio di ETF potrebbe fare al caso tuo.

Se riesci a ritagliare un po di tempo a giorni alterni o magari tutti i giorni, potresti optare per il multiday e affacciarti ad una strategia di swing trading o magari ad un operatività di tipo intraday come quella del nostro Roberto Barbaro.

Cerca di capire quali sono le tue attitudini e preferenze, azioni, ETF, FOREX … studiane le dinamiche e inizia il tuo periodo in Demo approcciandovi nel modo più realistico possibile.

 4) Scegli su quali e quanti mercati operare

Capito quanto tempo abbiamo a disposizione, dobbiamo individuare i mercati sui quali andare ad effettuare le nostre operazioni, tenendo presente anche che, una buona diversificazione anche in questa scelta, ci eviterebbe di esporci a rischi inutili legati al singolo mercato preso in esame.

Da tenere presente anche gli orari di contrattazione che possono fare la differenza.

Il mercato Americano per esempio, è aperto dalle 15:30 alle 22:00 ora Italiana, di conseguenza se i vostri pomeriggi sono per lo più liberi da impegni, il mercato Americano potrebbe essere il Top visto che è anche il più vasto e liquido al mondo.

 5) Determinare la vostra tolleranza al rischio

Ognuno di noi ha una tolleranza al rischio differente.

Nel trading o negli investimenti, avere delle posizioni in perdita (perdite contenute e in linea con la propria strategia chiaramente) è normale.

Capire qual’è la propria tolleranza al rischio fa si che in determinate situazioni l’ansia o altre emozioni deleterie, non prendano il sopravvento e, per capirci, non ci facciano perdere il sonno.

Una pratica più che valida è quella di iniziare (dopo il periodo in demo) rischiando pochissimo, anche solo una manciata di euro.

Questo ci permetterà di incrementare il nostro rischio in un secondo momento quando vedremo che la nostra strategia sta dando dei buoni frutti.

Così facendo prenderemo confidenza con le fisiologiche perdite e allo stesso tempo acquisiremo quella fiducia nelle nostre operazioni che ci darà la giusta serenità che è alla base delle migliori strategie di trading.

 6) Avere sempre uno stop-loss

Che sia mentale (magari quando sarete più navigati) o magari “in macchina”, avere uno stop-loss equivale ad accettare a priori una determinata perdita potenziale.

Questo vi metterà al riparo da improvvise oscillazioni che potrebbero farvi perdere più di quanto siete disposti a fare e di conseguenza destabilizzare la vostra psiche e il vostro trading.

Impostare uno stoploss non vi riparerà da bruschi gap ma nel 90% dei casi le vostre operazioni avranno delle perdite tali da non recare danni irreparabili al vostro portafoglio.

 7) Effettuare test approfonditi

Un trader non smette mai di fare test per ottimizzare i propri metodi di trading o di provarne di nuovi.

Il mercato è in continua evoluzione.

Le regole di base e una buona strategia già testata vi spianeranno la strada verso i primi profitti ma la ricerca del miglioramento continuo vi porterà oltre.

ACCEDI ORA al gruppo Facebook Io Investo dove troverai ogni giorno video analisi dei titoli azionari, rubriche di approfondimento, supporto e assistenza da ben 4 analisti tecnici per l’analisi dei titoli che hai in portafoglio.

 8) Avere un diario di trading

Un buon diario di trading farà la differenza.

Avere dei riferimenti sui tuoi trade è l’unico modo per capire i tuoi errori e per porvi rimedio.

  • Data e ora dell’operazione
  • strumento tradato e prezzi di entrata, uscita, stop …
  • stato d’animo
  • fedeltà o meno alla strategia
  • eventuali note

Un diario di trading dettagliato ti permetterà di capire cosa fare, quando farlo e come.

Anche le migliori strategie di trading hanno bisogno di revisioni.

 9) Imparare dagli errori

Durante la verifica del tuo diario di trading poni particolare attenzione ai tuoi errori.

Impara da essi e perfeziona la tua strategia di treading.

Non regalare soldi al mercato senza avere niente in cambio!

Se un operazione è andata male è come se tu avessi pagato il mercato per mostrarti dove stai sbagliando.

Rivedi l’operazione e fa tua quell’informazione!

 10) Continua a fare trading

Non mollare.

Il trading non è una pratica semplice come alcuni vogliono farti credere.

La classica pubblicità attira polli, del trader che opera dalla spiaggia mentre sorseggia un mojito, è quanto di più lontano possa esserci da questa professione.

Il trading o gli investimenti di lungo termine richiedono studio, disciplina, costanza e autocontrollo.

Nulla di impossibile che sia chiaro, non siamo in calzoncini corti in spiaggia ma non dobbiamo neanche progettare un viaggio sulla Luna.

L’unica cosa da fare è approcciarsi al trading o agli investimenti con la giusta serietà che merita questa professione.

Di conseguenza, nel momento in cui le cose non dovrebbero andare nel verso giusto, non mollate, continuate a fare trading, a studiare e a cercare di capire dove stai sbagliando.

Non avere fretta di operare perché il mercato non scappa.

Ci vorrà del tempo, ma se seguirete questi 10 consigli e non mollerete, avrete delle grandi soddisfazioni e una impagabile carriera da trader di successo davanti a voi.

Trasformati in un vero trader con il percorso da 0 a finalmente Trader, senza commettere quei terribili (e costosi!) errori che io stesso ho commesso 10 anni fa!.

Alessandro Moretti

Lascia un Commento

0Commenti

    Lascia un commento