CORSO DI ANALISI TECNICA: SAI VERAMENTE A COSA SERVE?

Molti, moltissimi traders svolgono la loro attività di trading basandosi sull’analisi tecnica, senza però sapere che cosa essa realmente sia e soprattutto a che cosa serve.corso di analisi tecnica

Lo sai che se chiedessi a 100 trader di spiegarmi che cos’è l’analisi tecnica e a che cosa serve, probabilmente il 90% di loro non sarebbe in grado di darmi una risposta corretta ed approfondita?

Disarmante come dato non trovi?

Questo accade perchè la maggior parte delle persone fa trading e parla quotidianamente di analisi tecnica senza però sapere realmente quale sia il suo scopo reale.

E’ come immaginare un chirurgo che pretende di utilizzare un bisturi sapendo che serve ad incidere, ma non sapendo come impugnarlo. Oppure un avvocato che vuole difendere i suoi clienti, ma che non conosce il codice civile o penale.
Sono sicuro che non c’è bisogno che ti dica che fine farebbero.

Purtroppo troppi trader alle prime armi si buttano immediatamente (o vengono a volte dirottati) verso la parte pratica e monetaria del trading e non hanno così la possibilità di apprendere realmente i principi e lo scopo dell’analisi tecnica.

Ancora peggio il web è pieno di trader che ti vogliono vendere ad ogni costo il loro corso di analisi tecnica dove spiegano tantissime cose che vanno benissimo a patto che tu abbia compreso veramente l’utilizzo reale dell’analisi tecnica.

Per farti capire meglio cosa voglio dirti, ti faccio un esempio elementare:
E’ come costruire una casa: è possibile farlo, molti lo fanno, ma se provi a costruirla partendo dal tetto, ovviamente non ci riusciresti mai.
Lo stesso vale per l’analisi tecnica: se si studia dalle fondamenta e si apprende realmente il suo significato, allora può essere utilizzata in modo profittevole, altrimenti crollerà tutto e, mi spiace dirtelo, fallirai miserabilmente.

Tra l’altro, prima di procedere con la lettura, ho piacere di segnalarti il mio corso base di analisi tecnica che trovi gratuitamente su Youtube.
Ti lascio qui il link

Invece se vuoi approfondire il mondo delle candele giapponesi, capirne la loro formazione e che indicazione danno ti invio a cliccare qui dove registrandoti gratuitamente troverai nella tua area free il corso completo di ben 22 video.

UN SEMPLICE ESEMPIO

Con questo articolo mi piacerebbe fare un esempio molto banale, ma con l’obiettivo di mandare un messaggio a te e a tutti i principianti o tutti coloro che si stanno avvicinando per la prima volta al trading ed allo studio dell’analisi tecnica. Vorrei mandare un messaggio semplice, ma di impatto, per far capire a cosa serve realmente l’analisi tecnica e quindi come dovrebbe essere utilizzata.

Sono sempre stato convinto che per far capire bene ad una persona quanto ho da spiegare niente è meglio di un semplice esempio.
Ecco che voglio fare lo stesso con te per essere sicuro che capisci cosa voglio dirti.

Immagina di avere un sacco pieno di palline colorate rosse e verdi e non sai ne quante palline ci sono, ne tanto meno se sono di più quelle rosse o quelle verdi.

Ora supponi che qualcuno ti dica di pescare una pallina a caso e di pronosticare il colore che avrà la pallina scelta.

In assenza di aiuti, non puoi avere alcuna idea, neanche minima, su quale pallina pescherai. Potrai solo aspettarti di avere il 50% di possibilità di pescare una pallina verde ed il 50% di possibilità di pescare una pallina rossa.

Fino a qui tutto chiaro?

Immagina adesso di avere a disposizione uno strumento (l’analisi tecnica) che ti permetta di capire, senza guardare nel sacco, se ci sono più palline rosse o più palline verdi.

Nel momento in cui sai se ci sono più palline rosse o verdi, la scelta di pronosticare l’esito della tua estrazione sarà molto più semplice e razionale.

Ipotizza che il tuo strumento (l’analisi tecnica) ti dice che le palline verdi sono maggiori delle palline rosse.

Quando andrai a pescare, sai che avrai più possibilità di pescare una pallina verde piuttosto che una rossa.
Di conseguenza, se sei una persone razionali, quando ti verrà chiesto di pronosticare il colore della pallina che pescherai, la tua scelta si orienterà sul colore verde, ossia sul colore che avrà la probabilità più alta di poter essere pescato.

Cominci a capire meglio?

Ovviamente lo strumento non ti dirà mai con esattezza la percentuale di palline verdi o rosse che sono presenti nel sacco.

La certezza non sarà mai al 100%, ma con uno strumento che ti aiuta ad aumentare le probabilità di uscita di un colore piuttosto che un altro è di certo un grande aiuto!

Adesso supponi, per assurdo, di sapere con certezza che 99 palline su 100 totali siano di colore verde.

Quando andrai a pescare, ci sarà sempre 1 possibilità su 100 di pescare la pallina rossa.

Tale concetto si rafforza nel momento in cui ti sarà chiesto di “scommettere” parte del tuo capitale sulla scelta del colore della pallina estratta.
Sotto la pressione psicologica di perdere parte del capitale “investito”, a meno che tu non sia un folle, sceglierai il colore delle palline che sono presenti in maggior numero dentro al sacco.


Confrontiamo adesso le 2 situazioni:

  • Caso 1: sei completamente abbandonato alla casualità. Non hai la più pallida idea di cosa ci sia dentro al sacco e quindi non puoi immaginare minimamente quale sarà l’esito più probabile della nostra estrazione.
  • Caso 2: sai se ci sono più palline rosse o più palline verdi. Di conseguenza puoi ipotizzare quale sarà il colore che  avrà più probabilità di essere estratto, ma non sai in che percentuale. Può essere il 51% o il 99%, però hai comunque una qualche indicazione.

E’ chiaro che, se potessi scegliere, auspicherai di trovarti nella situazione 2, nella quale hai delle indicazioni e non sei completamente abbandonato al processo casuale.

Se scegliessi sempre il colore più probabile, su una serie elevata di estrazioni, molto presumibilmente le tue scelte giuste saranno maggiori di quelle sbagliate. Il caso 2 ti metterebbe in una netta posizione di vantaggio rispetto al caso 1.

Passando alla realtà, dovrebbe apparire già abbastanza chiaro quale sia il ruolo che gioca l’analisi tecnica ed il modo in cui dovrebbe essere utilizzata. Se paragoni l’esempio appena fatto al mondo del trading, avrai i seguenti accoppiamenti:

  • Il sacco contenente le palline colorate è il mercato (o più precisamente il titolo che stiamo analizzando)
  • Le palline colorate rosse e verdi sono le direzioni che il mercato può prendere (rialzista o ribassista)
  • La scelta del colore che avrà la pallina estratta è l’esecuzione del trade (buy o sell)
  • L’estrazione della pallina è la direzione che il mercato prende (long o short)
  • Lo strumento che ci dice se ci sono più palline rosse o verdi è l’analisi tecnica
  • Il corretto funzionamento dello strumento è associato alla corretta applicazione dei principi di analisi tecnica

L’analisi tecnica deve essere utilizzata per farci dire se ci sono più probabilità che il mercato prenderà la via rialzista o ribassista. Attenzione a capire il concetto che non ci dirà mai con certezza se salirà o scenderà, ma ci dirà semplicemente quale sarà lo scenario più probabile.

Ma come si fa a stabilire quale sarà la direzione più probabile?


Il primo principio su cui si costruisce l’analisi tecnica è che, un trend, una volta stabilito, è più probabile che continui piuttosto che inverta la sua direzione.


Questo principio deriva dalla psicologia della massa degli operatori che compone il mercato e che spinge i prezzi in alto ed in basso nel tempo.

Dato che la psicologia degli esseri umani (intesi come massa di persone) è immutabile in quanto parte della natura stessa dell’uomo, questo principio che ha funzionato in passato, tenderà ad essere vero anche in futuro (almeno fin quando il mercato sarà formato prevalentemente da esseri umani).

Lo scopo dell’analisi tecnica è quello di individuare il trend attuale del mercato (nell’arco temporale di nostro interesse) con l’obiettivo di prevedere il percorso più probabile che i prezzi seguiranno e sfruttarlo a proprio favore durante la nostra attività di trading.

COSA SIGNIFICA QUINDI FARE L’ANALISI TECNICA?

Fare analisi tecnica, significa individuare il trend, prevedere lo scenario più probabile (in direzione del trend individuato), investire nella direzione del trend.

Va da se che, operare contro il trend rilevato, è come scegliere che sarà estratta una pallina rossa sapendo che nel sacco ci sono più palline verdi che rosse. La scelta è chiaramente soggettiva, ma poi non risulterebbe inutile lamentarsi se i risultati ottenuti non sono in linea con le aspettative.

Se si usa l’analisi tecnica per prevedere l’andamento futuro più probabile che i prezzi seguiranno, essa va usata in modo corretto. Utilizzare l’analisi tecnica in modo non corretto (che può significare non saper individuare un trend, non sapere quando usare un indicatore piuttosto che un altro, non saper riconoscere figure grafiche, non sapere individuare supporti e resistenze) porta inevitabilmente alla perdita di affidabilità del nostro strumento.

E’ come se un finto chirurgo, nel tentativo di utilizzare un bisturi (che crede di saper utilizzare ma che in realtà non sa neanche a cosa serve), dicesse che è rotto e che non funziona. Il problema non sta nello strumento (il bisturi in questo caso) che funziona benissimo, ma nel suo utilizzatore (che nel trading è l’analista) che non sa utilizzarlo in modo corretto ed appropriato.

Quindi riassumendo:

L’analisi tecnica va utilizzata con lo scopo di ipotizzare lo scenario che ha più probabilità di verificarsi.

Tale scopo si raggiunge individuando il trend attuale del mercato ed ipotizzando che è più probabile che un trend prosegua piuttosto che inverta la sua direzione.

Detto così sembra tutto molto semplice, in realtà non è affatto così. Ci sono decine e decine di sfaccettature che vanno studiate, apprese e messe in pratica, per imparare non solo ad individuare i trend di interesse, ma anche la salute degli stessi, il loro stato di deterioramento, la loro forza o la loro debolezza.

Bisogna imparare a gestire il capitale, gestire il rischio, individuare i livelli di ingresso giusti, posizionare gli stop loss, misurare i target, capire come si stanno comportando i compratori ed i venditori, comprendere il loro stato psicologico ecc.

Con questo articolo spero di aver chiarito un po’ le idee ed aver fatto aprire gli occhi a tanti novizi, principianti e curiosi della materia.

L’analisi tecnica non si apprende leggendo un articolo in 20 minuti. Ci vogliono anni di impegno, decine di libri da studiare, tanta pratica e tanta esperienza.

Diffida da coloro che pretendono di insegnarti l’analisi tecnica ed il trading in pochi minuti.

ASPETTA

Mi farebbe piacere se mi lasciassi qui sotto un commento o un like in modo da sapere se i contenuti che pubblico sono di tuo gradimento, oppure condividere l’articolo con i tasti qui in basso, con i tuoi amici e colleghi.
Qui sotto trovi tutti i miei contatti social e se vuoi scrivermi puoi farlo a: info@segnaliditrading.net

Mi trovi anche su Telegram e siamo il Canale più grande d’Italia sul trading –> https://t.me/analisitecnica

Ti auguro buon trading

Alessandro Moretti

 


Lascia un commento

Leave a Reply

Your email address will not be published.