Ecco gli 8 lavori che potrebbe fare un trader

1.Investire i propri capitali

Il primo lavoro che può fare un trader è proprio quello di investire i propri capitali.

Un trader chiaramente la prima cosa che va a fare è quella di investire i propri capitali, facendone diventare la propria attività lavorativa.

Ma c’è un però…

Per vivere di trading in maniera autonoma, occorre avere un discreto capitale e quindi bisogna essere sufficientemente capitalizzati.

Questa attività lavorativa si può suddividere in due sotto attività:

  1. Puoi trasformare questa attività come la tua fonte di reddito principale 
  2. Oppure puoi farla diventare la tua fonte di reddito secondaria.

Se lo fai come fonte di reddito secondaria diventa tutto molto più semplice, perché hai comunque delle entrate costanti, al quale abbini anche i rendimenti dei tuoi investimenti.

Invece, se diventa la tua fonte di reddito principale, allora hai un profilo un po’ più rischioso, delle entrate più variabili e quindi diventa più difficile anche quando lo fai come fonte di reddito principale.

Consiglio personale: oltre al tuo trading personale, abbinaci comunque un’altra fonte di reddito perché in questo modo riesci a stabilizzare le entrate mensili.

ACCEDI ORA: Vieni a trovarmi nel mio gruppo Facebook "Professione Trading" con oltre 4000 persone appassionate di trading come te, dove troverai analisi dei mercati azionari quotidiane, webinar formativi, spunti operativi e molto altro ancora.

2. Fare il consulente indipendente

Il consulente crea portafogli per i propri clienti.

Qui possiamo dividere in due tipi di consulente.

  1. Un consulente indipendente a 360 gradi quindi fa azioni, obbligazioni, fondi e qualsiasi altro strumento finanziario.
  2. Il consulente solo azionario che si occupa soltanto della fetta azionaria del cliente.

3.Il consulente finanziario dipendente

Il consulente finanziario dipendente lo puoi fare per banche e società finanziarie, in questo caso ci sono due livelli di consulente.

  1. Il consulente per il retail, quindi per i privati che fino ad oggi non richiedevano alcun prerequisito però, adesso, con l’entrata in vigore della MIFID II  stanno alzando le competenze per poter fare questo lavoro.
  2. Oppure, il consulente privato è quello di un livello leggermente superiore e ha come clientela soltanto persone e famiglie con patrimoni elevati.

Quando lavori per banche e società finanziarie, però, fai attenzione perché in questo caso un venditore di prodotti, lavora molto di più i con i fondi e sei spinto a vendere determinati prodotti piuttosto che altri, e soprattutto la tua retribuzione è legata anche ai prodotti che fai sottoscrivere al cliente e quindi più commissioni fai pagare più tu guadagni.

4.L’analista o il ricercatore

Quindi concentrarti soltanto nella parte di analisi, questo tipo di lavoro lo puoi fare per società finanziarie, lo puoi fare in modo autonomo quindi avere diciamo un tuo sito di analisi e vendere le tue ricerche.

5.L’advisor

Si occupa di produrre le analisi, chiaramente come te le commissiona il gestore in base alle sue esigenze.

Ad esempio, il gestore ti dice di fare un certo contratto di servizi dove devi fare analisi su titoli americani di medio lungo termine per un portafoglio di 10 milioni di dollari che abbia un drawdown x, cercare di arrivare a un rendimento di questo tipo, hai come benchmark S&P 500 quindi ti commissiona la linea da seguire e tu da advisor gli fai l’operatività.

ACCEDI ORA: Vieni a trovarmi nel mio gruppo Facebook "Professione Trading" con oltre 4000 persone appassionate di trading come te, dove troverai analisi dei mercati azionari quotidiane, webinar formativi, spunti operativi e molto altro ancora.

6.Il gestore

Questo è un livello molto più alto.

Sicuramente fare il gestore non è semplice e ci vuole molta esperienza, contatti e anche i capitali per aprire un fondo, a meno che tu non riesca a trovare una partnership con magari altre società che stanno già in questo mondo.

Collegandomi anche con il discorso dell’advisor, per fare l’advisor, oppure, fare il gestore stesso, implica avere una strategia.

Quindi, portare dei test storici della strategia e anche dei risultati reali o comunque  se non hai dati reali, puoi fare dei test storici ma che siano statisticamente robusti e quindi siano applicati su tutte le fasi del mercato.

Cioè, che abbiano un numero sufficiente di operazioni, un arco temporale sufficientemente lungo e tutti i test statistici che servono a validare statisticamente l’idea.

Un suggerimento, normalmente fondi e gestioni patrimoniali dato che hanno comunque capitali elevati, il loro obiettivo non è quello di fare rendimenti stratosferici, ma è quello di avere dei rischi limitati.

Per cui, se hai intenzione di andare a lavorare per fondi e gestioni patrimoniali e stai sviluppando una strategia che possa essere utilizzata da loro concentrati più che altro sulla limitazione del drawdown.

7.Il formatore

Puoi lavorare per privati e quindi puoi fare formazione per privati, puoi fare formazione per professionisti, perché tutti i consulenti che hanno lavorato per banche oppure per assicurazioni sono più venditori che non consulenti.

Puoi anche fare il formatore per scuole e università, rivolgendoti ad un pubblico giovane, contando che gli investimenti in azioni dalle superiori all’università viene trattata pochissimo, se non in università di taglio economico ma veramente c’è poca formazione quindi anche qui si possono fare delle belle collaborazioni.

8.Lavorare nel mondo dell’informazione

  1. Aprire un blog : fare articoli scritti su una specializzazione precisa, ad esempio un blog su “trading in azioni americane”.
  2. Fare “lo youtuber” si può fare un canale di finanza parlando di argomenti specifici e quindi approfondire determinate tematiche.
  3. Fare il podcaster e quindi fare podcast specifici su una determinata tematica, news e approfondimenti riguardanti, ad esempio, il trading in azioni oppure gli investimenti in fondi, la parte assicurativa, il trading sulle materie prime.

ACCEDI ORA: Vieni a trovarmi nel mio gruppo Facebook "Professione Trading" con oltre 4000 persone appassionate di trading come te, dove troverai analisi dei mercati azionari quotidiane, webinar formativi, spunti operativi e molto altro ancora.

Come si monetizza il lavoro quando uno fa il blogger lo youtube il podcaster?

Attraverso delle partnership con società finanziarie, attraverso la pubblicità (che però non consiglio perché non mi piace) oppure attraverso la vendita di servizi premium.

L’importante è che si producano dei contenuti di effettiva qualità che creino davvero valore per l’utente.

Tra l’altro facendo blogging, youtube o podcast  puoi crearti opportunità lavorative.

Per esempio, io stesso ricevo ogni mese almeno uno a due offerte di lavoro da società finanziarie e da banche.

L’importante come dico sempre è la qualità del lavoro fatto, qualsiasi attività lavorativa vuoi fare devi metterci la passione e l’impegno.

Ti auguro Buon Trading

Alessandro Moretti

 


Lascia un commento

Leave a Reply

Your email address will not be published.